Detrazioni fiscali 2019 per Sistemi d’allarme – Domotica – Videosorveglianza

come funziona la detrazione al 50%?

Il bonus videosorveglianza funziona in questo modo:

  • la detrazione delle spese videosorveglianza è fruibile fino al 31 dicembre 
  • la detrazione massima con cui  è  possibile  detrarre  le  suddette  spese, è  pari  al 50% in  quanto  gli  interventi  sono agevolabili  con il bonus ristrutturazione
  • il bonus videosorveglianza 2018 prevede che siano detraibili ai fini IRPEF solo alcune spese mentre non spetta MAI per i contratti stipulati con le agenzie di vigilanz
  • ai fini della detrazione bonus videosorveglianza, il pagamento delle spese deve avvenire tramite bonifico parlante o bonifico bancario o postale ordinario anche
  • per fruire della detrazione delle spese bonus videosorveglianza effettuate nel corso del 2018, occorre indicare la spesa nella dichiarazione dei redditi mentre se effettuate nel corso del 2019, vanno indicate in quella del prossimo anno.
  • per fuire della detrazione bisogna ripartire la detrazione totale in 10 quote annuali, vedi a tale proposito leggi come si dichiara il bonus nel 730 e modello Redditi.

Ma cos'è e come funziona il bonus videorveglianza 2019 e come si fa a fruire della detrazione, chi sono i beneficiari che possono fuire dell'agevolazione perché hanno installato o istalleranno nel corso del 2019, sistemi di videosorveglianza o di allarme?

Il bonus videosorveglianza 2019 spetta a:

  1. proprietario dell’immobile; titolare del diritto di godimento;
  2. familiare convivente: il coniuge, il componente dell’unione civile, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado.
  3. coniuge separato qualora assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  4. convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato.

 Inoltre bonus videosorveglianza 2019 spetta anche a chi esegue i lavori sull'immobile da solo, in questo caso si   ha  diritto alla detrazione delle spese di acquisto dei materiali edili.

 Il bonus videosorveglianza è un’agevolazione introdotta per la prima volta in Italia con la Legge di Stabilità 2016 al fine di favorire la sicurezza dei cittadini e prevenire attività criminali

Tale bonus contenuto nel “pacchetto sicurezza” da 2,6 milioni di euro consisteva nel riconoscimento alle sole persone fisiche, per cui non imprese, società, artigiani o commercianti, di un credito d’imposta con un limite massimo di 15 milioni di euro, fino ad esaurimento risorse, per le spese effettuate dai cittadini per acquistare sistemi di videosorveglianza digitale e per stipulare contratti per la sorveglianza da parte di agenzie di vigilanza per la prevenzione contro possibili atti criminosi.

Contattateci  e saremo a vostra completa disposizione